Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalita'.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

concerteria blog
Newsletter
Ticket-alert
Agenda teatrale
Buono regalo
Calendario eventi
 

dal


al

Download
Info e punto vendita
Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale, piano duet

associazionescarlatti.it

Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale, piano duet
Musica sotto le Stelle

Riflessi dall’oriente
Robert Schumann - Bilder aus Osten - Sei improvvisazioni per pianoforte a quattro man; Johannes Brahms - Liebeslieder Walzer op.52a; Antonìn Dvořák – da Slovanské tance Op.72 :n.1Odzemek , n.8Sousedská -


Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale, piano duet



Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale
Accettare limitazioni al proprio pianismo, dividere la tastiera, l’uso dei pedali, lo spazio corporeo in nome di altra dimensione pianistica, non votata al personalismo e all’esteriorità, diventa un credo quando il repertorio cameristico lo richiede. La fusione tra i due pianisti si completa con il pubblico coinvolto in una sfera intima e raccolta, peculiarità della musica da camera.
Maria Libera Cerchia e Antonello Cannavale si sono formati alla scuola pianistica napoletana.
Al completamento della loro formazione artistica hanno contribuito anche altri celebri musicisti quali Pier Narciso Masi e il Trio di Trieste.
Antonello Cannavale ha suonato per il Teatro San Carlo (eseguendo la IX sinfonia di Beethoven in una versione per due pianoforti e coro), per la Ass. Scarlatti di Napoli (nella stagione concertistica, nelle serate di musica di insieme di Villa Pignatelli e in occasione della inaugurazione della Sala Scarlatti del San Pietro a Majella di Napoli eseguendo l’integrale delle sonate per violino e pianoforte di Beethoven), per il Ravello Festival, il Rossini Opera Festival di Pesaro, l'Unione Musicale di Torino, la Società del Quartetto di Vercelli, la Società dei Concerti di Milano, e quella di Parma, l’Emilia Romagna Festival, gli Amici della Musica di Udine, di Pistoia, di Campobasso, l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, il Gubbio Festival, l’Ass. Filarmonica Umbra, la Sagrestia del Borromini in Roma, la Fondazione Piccinni di Bari, il MozArt Box alla Reggia di Portici, il Quisisana Festival, ai Teatri di Corte della Reggia di Caserta e del Palazzo Reale di Napoli, per l’Università di Varese, di Napoli, di Cosenza e di Messina, al Limburg Music International Festival Belgium, presso la Dreikonigskirche Dresden (Germania), per l’Accueil Musical de Saint-Merry di Parigi, l’Ateneo Musical Miranda de Ebro (Spagna), l’Ass. Musica nel Mendrisiotto (Svizzera), il Metropole Arts Centre di Folkestone (in Gran Bretagna).
Si è esibito con artisti quali A. Meunier, E. Bronzi, V. Ceccanti, L. Piovano, J. Pernoo, F. Petracchi, M. Caroli, C. Giuffredi, F. Caramiello, A. Ruta, G. Pieranunzi, O. Semchuk, I. Grubert, S. Gazeau, D. Rossi, R. Mallozzi, B. Boano.
Alcune sue esibizioni sono state trasmesse da Radio Vaticana e da Rai Radio-tre. E’ titolare della cattedra di Musica da Camera al Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino.
Maria Libera Cerchia si è esibita come solista e componente di diverse formazioni cameristiche partecipando a importanti festivals e stagioni concertistiche:
gli Amici della Musica di Campobasso, gli Amici della Musica di Udine, l’Associazione Alessandro Scarlatti di Napoli, l’Estate Musicale Sorrentina, il Festival Pianistico Thalberg in collaborazione con la RAI, il Festival di Musica da Camera di Portogruaro, il Teatro Diana di Napoli, il Teatro dei Rassicurati di Lucca, l’Ass. Clara Schumann, l’Opera Universitaria di Napoli, Galassia Gutenberg,
Con il pianista Antonello Cannavale e i componenti del Quartetto d’archi Savinio, si è dedicata a più progetti legati alla musica da camera. In particolare “Mozart per gioco” e “L’amore ai tempi della musica” con testi a cura di Stefano Valanzuolo, già eseguiti con successo di pubblico e critica per importanti enti e teatri italiani.
Ha riscosso grandi consensi l’esecuzione de “Ein Sommernachtstraum” (Sogno di una notte di mezza estate) di Felix Mendelssohn - musiche di scena per l’omonima opera teatrale di W. Shakespeare, nella versione originale per pianoforte a quattro mani, impreziosita dalla narrazione a cura di Enzo Salomone, presso i giardini del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per la rassegna “Miti di Musica” 2018 organizzata dalla Ass. Alessandro Scarlatti.
E’ stata fondatrice e direttrice artistica del “Quisisana Festival” al Palazzo Reale di Quisisana – Castellammare di Stabia (NA). E’ titolare di cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio di Musica “D. Cimarosa” di Avellino.

Avvertenze COVID19: Come previsto dall'Ordinanza della Regione Campania n.55 del 5/6/20 Allegato sub D che disciplina il Protocollo di Sicurezza anti-diffusione SARS-COV-2 per Cinema all'aperto, Drive-in, Spettacoli, all'ingresso di ogni luogo di spettacolo potrà essere rilevata la temperatura corporea di ogni individuo e se la temperatura risultasse superiore a 37,5°C gli verrà impedito l'accesso alla manifestazione; in questo caso l’organizzatore potrebbe non garantire alcun tipo di rimborso.



Facebook   Twitter

Napoli 21 luglio 2020 ore 21:00 Villa Pignatelli · Giardino
Acquista biglietti
guarda planimetria | info location
quantità