Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalita'.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

concerteria blog
Newsletter
Ticket-alert
Agenda teatrale
Buono regalo
Calendario eventi
 

dal


al

Download
Info e punto vendita
La serva padrona

teatrosancarlo.it

La serva padrona
Stagione dell'opera 19|20

Intermezzo buffo su libretto di Gennaro Antonio Federico, riprendendo l’antecedente di Giovanni Battista Pergolesi. Orchestrazione di Ottorino Respighi

Prima rappresentazione: San Pietroburgo, Teatro San Bartolomeo, 30 agosto 1781


Direttore | Carmine Pinto

Regia e elementi di scena | Mariano Bauduin

Costumi | Marianna Carbone



Interpreti

Uberto | Filippo Morace

Serpina | Rossella Locatelli

Vespone | Ernesto Lama



Orchestra del Teatro di San Carlo



Produzione del Teatro di San Carlo


Spettacolo in Italiano con sovratitoli in Italiano e in Inglese



Durata: 1 ora circa senza intervallo



Dell'omonima e ben più celebre opera di Pergolesi, la Serva padrona di Paisiello rappresenta un'interessante variante del modello che segnò la nascita dell'opera buffa. La mancanza di libretti fu uno dei principali problemi affrontati dal musicista durante gli anni trascorsi alla corte di Russia (1176-84) e, come spiega lo stesso compositore in una lettera a Ferdinando Galiani nel settembre 1781, “Per non avere qui né poeta né libri, sono stato costretto di mettere in musica La serva padrona fatta tanti anni fa dal fu Pergolesi”. Rispolverando per l’onomastico del granduca Alessandro (allora bambino di quattro anni) il libretto già musicato da Pergolesi nel 1733, Paisiello fece comunque qualche aggiunta e mise mano alla strumentazione avendo a disposizione l’eccellente orchestra imperiale certamente più ricca rispetto ai soli archi di Pergolesi. Nella nuova partitura troviamo infatti un largo impiego di strumenti a fiato (flauti, oboi, clarinetti, fagotti e corni, tutti in coppia), usati tanto per il ‘ripieno’ quanto per i dialoghi concertanti, nei quali Paisiello è maestro. Di fronte al pubblico della corte imperiale il musicista rinunciò a una comicità eccessivamente chiassosa e caricata, ovvero a quel carattere «trop napolitain» che qualcuno gli aveva già attribuito.
Facebook   Twitter

Napoli 14 maggio 2020 ore 20:00 Teatro San Carlo
Napoli 15 maggio 2020 ore 20:00 Teatro San Carlo
Napoli 16 maggio 2020 ore 19:00 Teatro San Carlo
Napoli 17 maggio 2020 ore 17:00 Teatro San Carlo

Puoi acquistare questa tipologia di spettacolo al telefono con carta di credito chiamando Concerteria. Consegna a domicilio o ritiro presso il botteghino o uno dei nostri punti vendita