Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalita'.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

concerteria blog
Newsletter
Ticket-alert
Agenda teatrale
Buono regalo
Calendario eventi
 

dal


al

Download
Info e punto vendita
Zubin Mehta e Stefano Bollani

unestatedare.it

Zubin Mehta e Stefano Bollani
Un'estate da Re · Edizione 2019

Direttore: Zubin Mehta
Pianoforte: Stefano Bollani
Orchestra del Teatro di San Carlo

Programma 28 settembre

GIUSEPPE VERDI LA FORZA DEL DESTINO, OUVERTURE
Verdi compose l’ouverture de La forza del destino nel 1869, ben 7 anni dopo la prima rappresentazione dell’opera al Mariinskij di San Pietroburgo, con l’intento specifico che potesse presentarsi non solo come preludio all’opera stessa, ma anche come una composizione a sé stante. L’ouverture infatti è da considerarsi vero e proprio “cavallo di battaglia” delle esecuzioni concertistiche.

WOLFGANG AMADEUS MOZART, CONCERTO PER PIANOFORTE E ORCHESTRA N. 23 IN LA MAGGIORE, K 488
Scritto durante la composizione de Le nozze di Figaro, il Concerto K. 488 ne ripropone la sensualità e l’appassionato impeto vitalistico. Terminato il 2 marzo 1786, il Concerto si preannuncia sin dal primo movimento come uno fra i più preziosi e intimi del genio di Salisburgo, con temi caratterizzati da una profonda intensità espressiva.

PËTR IL’IČ ČAJKOVSKIJ, SINFONIA N. 5 IN MI MINORE, OP. 64
La Quinta sinfonia fu scritta da Čajkovskij nell’estate del 1888, in un periodo abbastanza sereno della sua vita. Essa riflette in tutto e per tutto lo spirito di Čajkovskij: non esprime infelicità o disperazione, anzi sono presenti tratti di autentica euforia, ma il senso di disfatta dell’apertura non può essere dimenticato. La felicità dunque per Čajkovskij esiste, ma è momentanea, e nel momento in cui la si conosce, se ne scorge anche la precarietà.

Programma 29 settembre

GIUSEPPE VERDI I VESPRI SICILIANI, OUVERTURE
Verdi scrive I vespri siciliani nel 1854-55, la cui ouverture, spesso eseguita singolarmente nei concerti, è un capolavoro di irruenza e cantabilità, in cui si ritrovano echi delle prime esperienze del Risorgimento italiano. La musica dell’ouverture è prorompente, trascinante, si avverte la luminosità spettacolare della terra siciliana. La partitura si presenta anche in tanti punti delicata, intima. Rappresenta tutti i tratti caratteristici del genio di Verdi.

WOLFGANG AMADEUS MOZART, CONCERTO PER PIANOFORTE E ORCHESTRA N. 23 IN LA MAGGIORE, K 488
Scritto durante la composizione de Le nozze di Figaro, il Concerto K. 488 ne ripropone la sensualità e l’appassionato impeto vitalistico. Terminato il 2 marzo 1786, il Concerto si preannuncia sin dal primo movimento come uno fra i più preziosi e intimi del genio di Salisburgo, con temi caratterizzati da una profonda intensità espressiva.

LUDWIG VAN BEETHOVEN, SINFONIA N. 7 IN LA MAGGIORE, OP. 92
La Sinfonia n. 7, composta parallelamente all’ottava tra il 1811 e il 1812, ha un linguaggio drammatico, che propone un contrasto tra luce e ombra, tensione e riposo, propri della vita interiore. Pur essendo piuttosto classica nella forma, è caratterizzata da una grande vivacità ritmica. Il ritmo, come elemento primario della composizione, dà vita alle melodie e trasforma i temi ed è usato anche a livello timbrico e armonico.

Facebook   Twitter

Caserta 28 settembre 2019 ore 19:30 Aperia della Reggia di Caserta
Caserta 29 settembre 2019 ore 19:30 Aperia della Reggia di Caserta

Puoi acquistare questa tipologia di spettacolo al telefono con carta di credito chiamando Concerteria. Consegna a domicilio o ritiro presso il botteghino o uno dei nostri punti vendita