Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalita'.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

concerteria blog
Newsletter
Ticket-alert
Agenda teatrale
Buono regalo
Calendario eventi
 

dal


al

Download
Info e punto vendita
Testastorta

casadellamusica.palapartenope.it

Testastorta
produzione Chronos3

Una favola per adulti sospesa tra Fantasia e Storia che racconta – attraverso lo sguardo sognante e spietato di un bambino – gli orrori della guerra, i buchi neri della nostra coscienza collettiva.
Tommaso ha dieci anni quando viene adottato da due donne bizzarre e selvatiche, una madre e una figlia con un passato turbolento e qualche segreto che abitano un’immensa e fatiscente cascina in mezzo alla campagna. Siamo nell’Italia del Nord, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale. Presto Tommaso si rende conto che nella soffitta, nella parte diroccata della cascina, c’è nascosto qualcosa. O qualcuno. La fantasia di Tommaso si scatena, si lancia in improbabili esplorazioni e investigazioni, fino a far emergere una sconvolgente verità che lo riguarda da vicino, più di quanto egli non creda... La narrazione sarà musicale, perché la musica è parte integrante di questa storia. La musica dà speranza ai personaggi, copre i cattivi pensieri, la musica dà origine a questa storia. La musica permette di sopportare la claustrofobia, la reclusione nella soffitta, permette di salvarsi dalla follia. La musica delle cose, dei piccoli oggetti, la musica della natura.

CHRONOS3- NAVA SEMEL
In occasione della Giornata della Memoria la compagnia Chronos3 presenta lo spettacolo TESTASTORT - La storia inventata, tratto dal romanzo Testastorta di Nava Semel. Nava Semel, nata a Tel Aviv, da genitori sopravvissuti alla Shoah, scrive per adulti e per ragazzi ed è tra le più talentuose e importanti figure della letteratura israeliana contemporanea. Sul palco una coppia di attori eccellenti: Alessandro Lussiana e Valeria Perdonò, in grado di dare vita a personaggi di culture e età differenti: la zia, la madre, il nazista, il maestro di scuola, il professore di origine ebrea, il giovane Tommaso...Il risultato? Una polifonia surreale e magica. Quando uno spettacolo raggiunge il suo scopo, le immagini della scatola magica restano nella mente a lungo, ogni volta producono nello spettatore un desiderio di ritorno, piacere nella memoria, piacere dell’impossibilità di una replica, piacere dell’unicità.
Facebook   Twitter

Napoli 26 gennaio 2018 ore 10:30 Casa della musica · Federico I

Puoi acquistare questa tipologia di spettacolo al telefono con carta di credito chiamando Concerteria. Consegna a domicilio o ritiro presso il botteghino o uno dei nostri punti vendita